Home

Accertamento dello stato di handicap

Permessi lavorativi Diritto allo Studio Disabili e servitù di passaggio

Accessibilità ai seggi elettorali e diritto di voto

Scadenze di fine marzo per i disabili-Terminologia fiscale Dispositivo di segnalazione di emergenza per disabili Sussidi tecnici ed informatici
Accreditamento in conto corrente bancario Decreto ministeriale del 27/1/99 sugli invalidi civili, ciechi civili e sordomuti Gli importi delle pensioni, indennità e assegni per gli invalidi civili, ciechi civili e sordomuti Erogazione delle provvidenze economiche per invalidi civili

Erogazione delle provvidenze economiche per gli invalidi civili a seguito del passaggio di competenze da Prefettura a INPS: novità

Come è noto, le competenze per i pagamenti dei benefici economici ai minorati civili, precedentemente facenti capo al Ministero dell'Interno e, a livello locale, alle Prefetture, sono passate alle sedi periferiche dell'INPS (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale).

Questo trasferimento di competenze, che sta causando disorientamento e disagio per l'utenza, dovrebbe in seguito comportare un più veloce ed efficiente disbrigo delle pratiche essendo il servizio decentrato e quindi più vicino al cittadino.

Proprio in questi giorni viene messa a punto la rete telematica per la trasmissione dei dati, ed in particolare degli ordinativi di pagamento, da Prefettura a INPS. Riteniamo allora opportuno riepilogare le innovazioni pratiche alcune già indicate con precedenti note, altre invece novità del nuovo anno.

Ricordiamo che resta ferma la competenza della Prefettura relativamente alla concessione delle provvidenze economiche (verifica requisiti reddituali, assenza di ricovero, frequenza a centro scolastico o riabilitativo ecc.), per cui ogni adempimento connesso a questa fase va ancora effettuato nei confronti della Prefettura medesima.

Passa all'INPS la funzione di materiale erogazione dei pagamenti, sia che si tratti di prestazioni già in corso, sia che si tratti di nuove concessioni. Mantiene la sua validità, però, tutto quanto già in essere: rimangono validi i libretti pensionistici, rimangono valide le deleghe; idem per gli accrediti sul conto corrente postale, bancario ecc..

 

Cosa cambia
Il pagamento delle provvidenze non avviene più bimestralmente, ma mensilmente e non più il 28 del mese ma la prima settimana del mese; peraltro i mandati di pagamento dell'INPS rimangono - diversamente da quelli della Prefettura - disponibili presso gli uffici postali per più di un mese.
Per le indennità e le pensioni di modestissimo importo (poche migliaia o decine di migliaia di lire) sono previste forme di pagamento annuali o semestrali, nonché l'arrotondamento dei pagamenti alle mille lire. Per i titolari di trattamenti pensionistici plurimi l'erogazione avverrà con mandato unificato.
Dal primo gennaio 1999, tutte le comunicazioni e le richieste di variazione relative ad una pratica già in corso di pagamento, vanno inoltrate direttamente alla propria sede periferica dell'INPS (il cui indirizzo è ricavabile dall'informativa pervenuta a ciascun interessato a parte dell'INPS negli ultimi mesi).

Ecco un elenco, seppure non esaustivo, di variazioni che vanno comunicate all'INPS:

comunicazioni di variazione di residenza del titolare della prestazione pensionistica;

richiesta di accreditamento in conto corrente postale o bancario;

nomina o sostituzione di tutore o delegato;

richiesta di riemissione di mandati di pagamento;

denuncia di smarrimento di libretto e richiesta di duplicato

Da quest'anno i beneficiari di provvidenze economiche con accredito su conto corrente bancario non sono più tenuti a presentare la certificazione di esistenza in vita, entro il 31 dicembre.

Per quanto riguarda la disciplina del contenzioso, avverso i provvedimenti di concessione o diniego è ammesso il ricorso amministrativo al comitato provinciale dell'INPS, ferma restando la tutela giurisdizionale davanti al giudice ordinario.

La legittimazione passiva spetta all'INPS, nei procedimenti giurisdizionali di nuova attivazione, anche per i provvedimenti concessori emessi dalle Prefetture, purché il procedimento abbia ad oggetto provvidenze statali spettanti agli invalidi civili.

Home