wb01337_.gif (904 byte)    Home

Parcheggi riservati a persone invalide

E' fatto noto che Ŕ possibile per le "persone invalide con capacitÓ di deambulazione sensibilmente ridotta" ottenere - previa visita medica - il cosiddetto "contrassegno invalidi" che permette - fra l'altro - di parcheggiare negli spazi a questi riservati (art. 381, D.P.R. 495/1992 e successive modificazioni). In tal senso, Ŕ meno noto che la possibilitÓ di ottenere il "contrassegno invalidi" Ŕ stata estesa anche ai non vedenti (art. 12 comma 3, D.P.R. 503/1996); il contrassegno, lo ricordiamo, Ŕ concesso a prescindere dalla titolaritÓ di una patente di guida o dalla proprietÓ di un automezzo.

E' frequente anche la constatazione che la nefasta miscela derivante dall'inciviltÓ e dalla insufficiente disponibilitÓ di parcheggi impedisce a chi ne ha bisogno, di usufruire di questa agevolazione.

Tuttavia, il Regolamento al Codice della Strada prevede che il Sindaco, con propria ordinanza, nei casi in cui ricorrono particolari condizioni disabilitÓ, possa assegnare a titolo gratuito un adeguato spazio di sosta individuato da apposita segnaletica indicante gli estremi del "contrassegno invalidi" del soggetto autorizzato ad usufruirne. Da far notare che il Regolamento non prevede un'obbligatorietÓ di questi atti e, addirittura, ne limita la concessione alle zone ad alta densitÓ di traffico.

Nello stesso articolo (381) del Regolamento Ŕ, inoltre, insita una potenziale e grave sperequazione; vi si precisa, infatti, chi beneficia della concessione "deve, di norma, essere abilitato alla guida e deve disporre di un autoveicolo".

Quel "di norma" si presta a due diverse interpretazioni: "di norma" pu˛ significare che sono possibili delle eccezioni, ma pu˛ anche voler intendere che la patente e la proprietÓ dell'auto sono condizioni essenziali. L'interpretazione prevalente presso molti Comuni Ŕ - purtroppo - quella pi¨ restrittiva.

Ci˛ comporta che tale beneficio non possa essere concesso, ad esempio, al non vedente, oppure al minore, oppure a chi Ŕ affetto da una disabilitÓ tanto grave da non poter conseguire nemmeno una patente speciale e che verosimilmente avrebbe pari - se non maggiore - necessitÓ di essere agevolato.

Su questo e su altri aspetti, Ŕ atteso un parere dirimente da parte del Ministero competente.

bs00900a.gif (904 byte)   Torna su